4/23/2012

Lunghe esposizioni per modificare la realtà.

Dopo essermi avvicinato al mondo della fotografia passando per un tipo di foto prevalentemente naturalistica ho cambiato un po i miei target in altri tipi di soggetti; ultimamente però sto riscoprendo il fascino della natura tramite le lunghe esposizioni, che permettono di ottenere effetti particolari e creativi che vanno aldilà del "classico" paesaggio.

Se una volta l'atipico era riuscire a fermare il movimento del mare, immortalando un'onda perfettamente ferma sulla pellicola adesso che le sensibilità minime delle fotocamere sono di almeno 100 ISO il difficile è ottenere l'acqua mossa in condizioni di luce.
Si devono perciò utilizzare dei filtri a densità neutra, che permettono di ridurre notevolmente il quantitativo di luce che entra nell'obiettivo senza dover chiudere il diaframma a valori che fanno inevitabilmente decadere la qualità d'immagine.

Detto questo va da se che diventa possibile realizzare delle foto in spiaggia con il sole ancora alto.
Si possono quindi ottenere 2 cose che assieme hanno qualcosa di strano e particolare:
Il mare come una distesa di nebbia con il sole ben presente nel cielo.
Altra opportunità è quella di poter ottenere sempre il mare "setoso" ma utilizzando diaframmi molto aperti (una prova è nella quarta foto postata sotto; sono convinto che il diaframma aperto con relativo sfocato renda il tutto molto suggestivo; ma magari è solo una mia impressione sapendo come l'ho realizzata).





4 commenti:

  1. Wow Damiano, la seconda e la quarta le trovo sublimi, come te anche io adoro le lunghe esposizioni. E' una tecnica che consiglio a tutti di provare almeno una volta, è davvero molto gratificante e ci restituisce immagini stupende! Bravo!

    RispondiElimina
  2. Scattosingolo9 luglio 2012 08:27

    Le immagini sono interessanti, solo un appunto sul titolo "Lunghe esposizioni per modificare la realtà": se si rimane in ambito fotografico la realtà non la si cambia MAI, la si interpreta secondo la sensibilità propria di ciascuno di noi che, utilizzando il linguaggio fotografico (questo è fondamentale se si parla di fotografia) la porta ad essere immagine (e fotografia se poi l'immagine viene stampata). I tempi lunghi di esposizione sono sempre stati una forma di linguaggio fotografico e l'immagine è il risultato di ciò che è passato atteaverso le lenti (universalmente sono consentiti ritocchi tesi a valorizzare l'immagine senza stravolgerla, come contrasto, luminosità, resa cromatica del colore ecc). Di conseguenza la realtà non viene modificata ma interpretata, al contrario delle manipolazioni e alterazioni con Photoshop con le quali la realtà viene effettivamente modificata ... MA in questo caso NON possiamo più parlare di FOTOGRAFIA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Effettivamente una distinzione da precisare.
      :)

      Elimina